Immigrati/Calderoli: Da Ddl Cittadinanza; Unione Cerca Nuovi Voti; Serve Referendum Abrogativo O Condizioneranno Nostro Futuro

Quello presentato dal ministro Amato e approvato in Consiglio dei Ministri _ soltanto il cavallo di Troia con cui si cerca di introdurre il diritto di voto per gli immigrati, perch_ questi sono partiti dimezzando i tempi previsti per acquisire la cittadinanza ma hanno in mente altro. Lo sostiene in una nota Roberto Calderoli, Vice Presidente del Senato e Coordinatore delle Segreterie Nazionali della Lega Nord, osservando che “infatti stiamo vedendo che diverse componenti di questa maggioranza, come i Verdi e i Comunisti Italiani, la pensano gi_ in maniera diversa e delinenano, nel loro progetto di riforma costituzionale, di eliminare anche il requisito dei cinque anni di previsione di attesa per ottenere la cittadinanza e quindi il voto”. “E’ evidente – prosegue l’esponente leghista – che si tratta del tentativo di fare in modo che tutti quelli che saranno riusciti a fare entrare da quando loro sono andati al governo possano essere gi_ pronti per votare alle prossime elezioni politiche, in qualsiasi a momento esse capitino. Oggi, secondo i dati pubblicati nell’articolo di Manneheimer sul Corriere, gli immigrati rappresentano il 5% della popolazione, ma con il trend imposto da questa sinistra potrebbero arrivare al 10% entro le prossime elezioni politiche”. “Un partito di queste dimensioni, rappresentato dagli immigrati, o peggio ancora un partito che si dovesse richiamare alla religione, e quindi all’Islam – avverte Calderoli – sovvertir_ la nostra societ_ e con il ricatto potr_ arrivare a condizionare il nostro futuro. Dobbiamo bloccarli subito – conclude – perch_ poi non sar_ pi_ possibile tornare indietro e lo strumento con cui possiamo farlo _ soltanto quello del referendum abrogativo per cancellare questa legge che avrebbe conseguenze devastanti e irreparabili”.